Tutti sbagliamo. I problemi veri, però, si creano solo quando non conosci i tuoi errori: se non sai cosa stai sbagliando, è impossibile correggerti. Facciamo un esempio. Ti è mai capitato di uscire con un gruppo di persone in cui c’era un ragazzo con l’alito cattivo? E qualcuno glielo ha detto? Probabilmente no. E quindi questo ragazzo ha passato l’intera serata non capendo perché nessuno gli stava vicino. Magari dava la colpa agli altri, pensando che fossero antipatici o maleducati, oppure si buttava giù, immaginando di essere una persona sgradevole. Ma era solo l’alito cattivo! Sarebbe stato così facile risolvere questo piccolo problema! Se solo l’avesse saputo.

In altri casi, il nostro “errore” può essere una brutta espressione del viso che facciamo quando siamo tesi, il modo di stringere la mano, una forma sgradevole di sarcasmo, il linguaggio del corpo, gli argomenti di conversazione che scegliamo e così via. E’ importante trovare qualcuno che ci aiuti a individuarli in modo rispettoso e soprattutto che ci spieghi come correggerli.

Ma adesso lasciamo da parte le situazioni particolari e concentriamoci sugli errori comuni degli uomini single. In questo articolo ne scopriremo 10.

1- Fissare la sconosciuta che ti piace
Lo vedo fare spesso. Due amici entrano in un locale e iniziano a guardare le ragazze, fissando poi per alcuni secondi quelle che gli piacciono di più. Le donne in questione se ne accorgono e si irrigidiscono: ora è più difficile conoscerle. Attenzione: molti credono che guardare le ragazze sia un buon modo di “Testare le acque” e si ricordano di quella volta che una splendida avventura è iniziata dall’aver guardato insistentemente una sconosciuta. Purtroppo non si ricordano delle altre 99 volte non è successo niente! La morale? Quando vuoi rompere il ghiaccio con una sconosciuta non fare lo stalker e vacci a parlare subito. (Per approfondire leggi La Regola Del Primo Sguardo)

2- Non capire i segnali femminili
Qualche mese fa ero fuori a prendere un aperitivo con un gruppo di amiche. Una di loro, attrice, bellissima, nota un ragazzo nel locale che la colpisce per il suo modo di fare. Lui si rende conto di essere stato guardato, ma non fa niente. Immaginati la scena. La mia amica si cammina per il locale cercando di farsi guardare ma fingendo di essere interessata ad altro. I minuti passano e lui non si avvicina. A questo punto lei, spazientita, scrive il suo numero su un bigliettino di carta e sta per darglielo. Purtroppo le amiche la bloccano: “Cosa fai? Dai, sicuramente non è quello giusto!”. Ma lui era veramente così “sbagliato”? Probabilmente no. Comunque l’occasione di conoscerla è persa per sempre. Il problema, per quel ragazzo come per molti altri uomini, è la scarsa comprensione dei segnali che le donne mandano col linguaggio del corpo e con le espressioni del viso. (Questo è uno degli argomenti che approfondiamo nel corso di seduzione naturale.) Se lui avesse saputo leggere i segnali non verbali della mia amica, avrebbe capito che:
– Quella sera era aperta a fare nuovi incontri.
– Era interessata a lui.
– Degli uomini che le stavano intorno, me compreso, non le interessava nessuno.

Se vuoi qualche esempio di segnali non verbali che indicano un forte interesse leggi questo articolo.

3- Frequentare i posti sbagliati
Alcuni pensano che essere bravi a rompere il ghiaccio significa saperlo fare sempre e dovunque. Poi hanno pochi risultati e gettano la spugna. Ma nessuno è a proprio agio in qualsiasi situazione e alcuni luoghi sono poco pratici per conoscere. Ad esempio, approcciare una sconosciuta per strada a volte è difficile: magari sta correndo per un appuntamento di lavoro e non ha tempo libero neanche se volesse. Molto meglio avvicinare una donna in un luogo più tranquillo, come una libreria nel weekend o in un locale notturno. Ancora meglio trovare delle occasioni in cui puoi esprimere un tuo punto di forza o almeno essere molto a tuo agio. I luoghi di incontro sono tantissimi e variano anche a seconda delle nostre preferenze e inclinazioni individuali. I luoghi “Giusti” ti permettono anche di incontrare le donne più adatte ai tuoi valori e al tipo di relazione che cerchi.

4- Comportarsi da “Tappetini” o da “Scocciatori”
Ad esempio, a cena fuori, se la ragazza inizia a ricevere telefonate una dopo l’altra, il “Tappetino” è disposto a rimanere in attesa mentre lei passa la cena parlando al telefono: in questo modo il “Tappetino” finisce praticamente per mangiare da solo! Attenzione però, anche dire sempre di no è fastidioso. Ancora peggio è lamentarsi e fare scenate. Se una ragazza riceve telefonate durante la cena con uno “Scocciatore”, lui manifesta subito segni di impazienza e magari le fa una scenata. E quindi, se non bisogna dire né sempre SI né sempre NO, cosa conviene fare? Possiamo imparare a farci rispettare senza fare gli “Scocciatori”:Si chiama “Comunicazione Assertiva”. Un esempio? Quando lei finisce la prima chiamata, prendi il tuo cellulare in mano e mettendolo in silenzioso dille con un sorriso sicuro:”Ora mettiamo i cellulari in silenzioso e godiamoci il resto della cena”.

5- Poca gradualità nel contatto fisico
Alcuni uomini non hanno alcun tipo di contatto fisico con la donna che gli interessa e poi, improvvisamente, le saltano addosso. Ovviamente, dobbiamo evitare di toccare in modo intimo una ragazza conosciuta da poco, ma – se una ragazza ci piace – è naturale avere presto una qualche forma di contatto fisico. All’inizio, la cosa migliore è limitarsi a sfiorare il suo avambraccio o, se siete seduti, cercare un brevissimo contatto con le ginocchia. In ogni caso, il contatto fisico è fondamentale, da subito. Molti studi hanno provato la sua importanza anche nel mondo del lavoro. Ad esempio, in una ricerca recente è stato chiesto a centinaia di camerieri sparsi per il mondo di sfiorare l’avambraccio dei loro clienti prima di portare il conto e di registrare le relative mance. Bene, si è scoperto che i clienti che venivano sfiorati davano mance più generose del 30%! Il contatto fisico, anche se molto leggero, ci avvicina alle persone.

6- Mentire
Mentire sull’età, sul proprio lavoro, sulla vita sociale, sulla situazione economica, sulle intenzioni per il rapporto e così via. Purtroppo molti dei siti web e degli autoproclamati esperti sulla seduzione ti suggeriscono indirettamente di dire cose non vere. Spesso non ci accorgiamo neanche di aver detto bugia. Per alcuni diventa la normalità: sotto sotto pensano che se dicessero la verità nessuna donna li vorrebbe. Attenzione però, essere sinceri non significa dire tutto quello che ci passa per la testa. Facciamo un esempio: dire a una ragazza appena conosciuta che è in sovrappeso semplicemente perché si parla di diete non è essere sinceri, è essere maleducati.
Anche lasciando da parte considerazioni etiche, mentire è controproducente perché:
– Mentire distrugge la fiducia che è alla base di una relazione, breve o lunga che sia.
– Le avventure e le relazioni più belle sono quelle in cui sentiamo di poterci esprimere.
– Le donne sono più brave di noi a capire se qualcuno sta mentendo.
– Se senti il bisogno di mentire, forse inconsciamente pensi di avere poco da offrire. Allora prova a fermarti un attimo, a pensare a quello che ti piace di te, alle sensazioni che puoi far provare a una donna che ti interessa davvero, all’affetto che le puoi regalare, al piacere che le puoi far provare, a come puoi essere divertente con la persona giusta. In altre parole, prendi consapevolezza dei tuoi Punti di Forza e soprattutto impara come comunicarli rapidamente.

7- Non sapere ascoltare in modo attivo-empatico
Le donne si lamentano spesso della scarsa capacità di ascolto di noi uomini. Ma cosa intende una donna quando si lamenta di un uomo che non la capisce o non la ascolta? Ovviamente non sta dicendo che lui non l’ha sentita o che lui non ha capito il senso letterale delle parole che gli venivano dette. Ascoltare davvero, significa cercare di capire non solo il FATTO che ti viene raccontato, ma soprattutto il SIGNIFICATO profondo che quel fatto ha per lei e le EMOZIONI che le ha procurato nel passato e le fa provare adesso. Questo tipo di ascolto si chiama Attivo (perché l’ascoltatore fa domande per capire meglio) ed Empatico (perché l’ascoltatore è attento alle emozioni). Quando si ascolta in questo modo non si esprimono giudizi e non si danno consigli. Ascoltare una persona per davvero, in modo attivo-empatico, può avere effetti sorprendenti. I counsellor Rogersiani hanno dimostrato che questo tipo di ascolto può addirittura curare una persona: chi studia questo approccio terapeutico passa diversi anni ad approfondire e ad esercitarsi nell’ascolto attivo-empatico. Ma torniamo alla seduzione. Quando una donna sente di aver incontrato un uomo di valore che la fa sentire profondamente capita, come nessuno aveva saputo fare prima, farà di tutto per non lasciarselo scappare.

8- Confondere la riconoscenza con l’amore
A volte pensiamo inconsapevolmente: “Se faccio questo per lei, allora mi amerà.” Ma non è mai così. Non c’è oggetto che tu possa regalarle, o problema che tu le possa risolvere, che può farti ottenere il suo amore. Certo, lei può essere riconoscente e considerarti un buon amico, ma niente di più.

9- Essere indecisi
Quando sei con una ragazza e state decidendo che film vedere o in quale ristorante mangiare o dove andare a bere qualcosa, non perdere tempo a scegliere e proponi subito la soluzione che preferisci. Attenzione però: questo non significa cercare di imporre la tua scelta, ma semplicemente proporre qualcosa, invece che dire il solito: “Andiamo dove preferisci tu”. In generale, nella scelta del vino da ordinare o in qualsiasi altro momento della vita, l’indecisione distrugge il fascino.

10- Procrastinare
Immagina la scena. Sei a una festa. La sconosciuta che ti piace si allontana dal suo gruppo di amiche e si dirige verso il tavolo con le cose da bere. Sai che è il momento giusto per andarti a presentare: è più facile rompere il ghiaccio mentre lei è da sola. Lo fai? Hai pochi attimi a disposizione. Le vai a parlare o ti viene in mente una qualche ragione per non farlo? Mettiamo ora da parte l’esempio della festa. Troviamo spesso una ragione apparentemente “buona” per non agire subito. Per questo anche prendere piccoli impegni concreti con sé stessi – e abituarsi a rispettarli – è un aspetto del corso che propongo. Per evitare che la procrastinazione ci impedisca di fare qualcosa di importante dobbiamo abituarci a valutare rapidamente la situazione e agire subito.

Vuoi approfondire? Prova gratuitamente un corso