INCONTRI UNA DONNA SPECIALE. LA CORTEGGI. Ma come convincerla a iniziare una relazione? Io non credo che esistano regole assolute a riguardo: una donna va vista nella sua unicità. Allo stesso tempo, molte donne hanno delle preferenze in comune in fatto di uomini. Scopriamole insieme.

(Nota dell’autore) Voglio scusarmi per il modo un pò freddo e scientifico con cui sto per trattare un tema delicatissimo come la nascita di un sentimento. A volte le emozioni forti ci confondono e allora può essere utile fare un passo indietro e cercare di comprendere come nasce l’amore. Non tutto quello che leggerai sarà vero per te. D’altra parte, questo articolo sarà un utile guida per capire meglio il comportamento di amici e amiche. Buona lettura!

Una relazione più o meno lunga inizia quando una donna ti desidera con tutta sé stessa: mente, corpo ed emozioni.

Questo significa che molte ragazze non andrebbero mai a letto con un uomo che le fa sentire emotivamente a disagio, anche se fossero fisicamente attratte da lui. E nonostante l’attrazione fisica e il coinvolgimento emotivo, queste stesse donne potrebbero decidere razionalmente di rifiutare un uomo perché non lo stimano o lo considerano uno “spiantato”.

In questo articolo parleremo di cosa attrae le donne fisicamente, emotivamente e razionalmente. Iniziamo quindi dall’attrazione fisica e mettiamo da parte bellezza e odore, che alcuni ritengono erroneamente essere gli unici fattori in gioco. Quali sono le qualità che fanno sentire una donna fisicamente attratta da un uomo e perché?

Ma prima di iniziare dobbiamo fare una premessa importante. Nelle pagine seguenti parleremo di molte qualità – che forse già possiedi – ma che possono essere ulteriormente sviluppate facendoti guadagnare punti con le donne e sul lavoro. Ad esempio:

- La sicurezza in sé stessi può essere sviluppata. E’ possibile superare paure comuni come la paura di sbagliare, la paura di essere rifiutati e la paura di essere giudicati male. E’ possibile sviluppare la capacità di leadership.

- La capacità di ascolto può essere sviluppata. Molte donne vorrebbero trovare un uomo che le faccia sentire profondamente capite. E’ possibile imparare l’ascolto attivo empatico e far sentire profondamente capita la donna che amiamo. In tutti i rapporti umani, la capacità di far sentire compresa e a proprio agio un altra persona può rivelarsi molto preziosa.

- La capacità far ridere una donna può essere migliorata. Ci sono specifici modi di conversare – come il Bantering e i Role-Play – che aumentano la nostra capacità di divertirci e ridere insieme alle donne che ci piacciono.

- La capacità di farsi rispettare – senza mancare di rispetto – può essere migliorata. A volte una donna si comporta in modo poco rispettoso. Spesso senza farlo apposta. Magari arriva in forte ritardo o continua a usare il telefono durante la cena o fa richieste irragionevoli e si rivolge a noi con un tono infastidito. In questi casi, alcuni uomini reagiscono in modo brusco, altri subiscono passivamente e altri ancora semplicemente si lamentano. Tutti questi comportamenti fanno perdere punti. E’ possibile invece imparare a rispondere assertivamente, un modo efficace di comunicare che ci permette di farci rispettare senza prevaricare gli altri. Anche sul lavoro la comunicazione assertiva può aiutarci a ottenere stima e rispetto.

Lo scopo di questo articolo è parlare delle qualità che possono renderci più attraenti. Queste stesse qualità possono aiutarci anche a vivere relazioni migliori. Per svilupparle – ovviamente – non basta leggere un articolo, ma serve un forte impegno personale.


L’INFLUENZA GENETICA: ALLA RICERCA DEL CAPOBRANCO
La prima legge dell’attrazione femminile è questa: “Molte donne sono fisicamente attratte da un uomo che mostra le qualità del capobranco”.

80.000 A.C. Oggi è una giornata speciale per Elena: Lupus il Capobranco ha appena diviso con lei la gazzella che aveva ucciso. Finalmente è stata notata! Ieri, quando Lupus l’aveva protetta da una leone, lei aveva pensato che lo facesse solo per difendere un membro del branco, ma con la gazzella di oggi non ci sono più dubbi: è amore!

Darwin fu il primo a capire che l’evoluzione delle specie ha portato la donna ad essere attratta da uomini capaci di garantire la sua sopravvivenza. Per una donna che viveva nell’Età della Pietra, scegliere un uomo incapace di proteggerla e sfamarla, significava condannare a morte sé stessa e i suoi figli. Con la conseguente sparizione del proprio patrimonio genetico dalla razza umana.

L’evoluzione ha quindi favorito le donne che sceglievano uomini forti o addirittura veri e propri “Capobranco”, cioè i leader del gruppo, che potevano disporre delle risorse di tutta la comunità per sfamare e proteggere i propri cari. È così che l’attrazione per il capobranco è diventata istintiva, trasformandosi nel tempo da scelta razionale in attrazione fisica.

Oggi il mondo in cui viviamo è completamente diverso da quello dei nostri antenati, ma il nostro patrimonio genetico è sostanzialmente invariato, e continua ad esercitare un influenza sulle qualità maschili che una donna trova attrenti. Vediamo quali sono le caratteristiche del capobranco che attraggono una donna:
vuole investire risorse su di lei ed è capace di acquisirle (il capobranco non ha semplicemente voglia di “regalare” una gazzella ad Elena, ma è anche capace di cacciarla.)
vuole proteggerla ed è capace di farlo (voleva proteggere Elena dal leone ed è stato capace di farlo.)

Traduciamo ora queste caratteristiche generali in specifiche qualità che attraggono le donne. Partiamo dalla voglia di proteggere e investire risorse su di una donna. La donna cerca uomini che abbiano la capacità di impegnarsi e di scegliere. Lei, proprio lei, e nessun altra.

Cosa sarebbe successo ad Elena se Lupus l’avesse lasciata per un altra donna subito dopo averla messa incinta? Lei e i suoi bambini sarebbero stati sbranati o sarebbero morti di fame. Capiamo, quindi, come la capacità di impegnarsi, e più in generale la capacità di Decidere, sia una qualità delle principali qualità che la donna cerca nel suo uomo.

Pensiamo ora alla capacità di acquisire risorse e proteggere le persone amate. Che qualità doveva possedere un uomo per essere Capobranco o potenziale tale?
Tolleranza al rischio (se è bloccato dalla paura, per lui è impossibile cacciare animali selvaggi e proteggere la famiglia dai loro attacchi)
Capacità di leadership (ispira, influenza, prende decisioni per il gruppo, è sicuro delle proprie idee)
Aggressivo verso prede e nemici (se empatizza con la sofferenza del leone invece di difendere la famiglia, fa finire tutti sbranati)
Buona salute

Avere un aspetto sano è una condizione necessaria per poter attrarre fisicamente una donna: riesci ad immaginare un uomo delle caverne che diventa Capobranco essendo malato e deforme?

Ma se per un uomo deforme è difficile attrarre fisicamente una donna, anche la bellezza può diventare un ostacolo. Mi vengono in mente le parole di una mia cliente:”L’ho lasciato perchè – invece di farmi sentire bella – sembrava voler competere con me su chi aveva l’aspetto migliore”.

LIBRI PER APPROFONDIRE

- Psicologia evoluzionistica (L’autore di questo libro – David Buss – è anche il principale esponente mondiale della psicologia evoluzionistica, quella branca della psicologia spiega i nostri comportamenti sulla base dell’evoluzione. Non è un libro di facile lettura: da comprare solo se molto motivati ad approfondire l’argomento.)

Riassumendo, le qualità maschili che possono attrarre fisicamente una donna sono:
Desiderio e capacità di proteggere i propri cari
Decisionalità(capacità di scegliere, capacità di impegnarsi)
Tolleranza al rischio
Capacità di leadership (ispirare, influenzare, prendere decisioni per il gruppo, essere sicuri delle proprie idee)
Aggressività verso i nemici comuni

L’INFLUENZA FAMILIARE: ALLA RICERCA DEL GENITORE
La seconda legge dell’attrazione femminile: “Molte donne sono emotivamente attratte dagli uomini che sanno far rivivere le prime esperienze d’amore genitoriale.”

Giulia ha 6 mesi. Il mondo è una donna gentile che la prende in braccio e la fa mangiare. Lei e mamma sono una cosa sola. E’ un amore assoluto. Un unione completa.

La prima forma d’amore che ogni bambina sperimenta è quello materno. I bisogni di contatto, gioco, calore, e cibo vengono soddisfatti senza che lei debba spiegarli. A volte la mamma sembra capire telepaticamente ciò di cui sua figlia ha bisogno. E il desiderio di essere capita senza parole rimane nel cuore di ogni donna, anche quando da adulti i bisogni si fanno più complessi. Un uomo empatico, che riesce ad intuire emozioni, bisogni, e desideri di una donna, e sa comunicare questa comprensione, risveglia meccanismi molto antichi che la fanno sentire emotivamente legata a lui. L’attrazione risulta ulteriormente rinforzata quando l’uomo, oltre ad intuire i bisogni, provvede a soddisfarli, senza che lei chieda niente, proprio come faceva mamma quando lei era bambina.

Ma quali sono i bisogni fondamentali? Nell’ambito della socialità sono due: La stimolazione, e cioè ridere, scherzare e in generale giocare con una donna. E il relax, cioè la capacità di mettere a proprio agio e fare sentire sicuri e rilassati. In generale, le donne più estroverse hanno un maggiore bisogno di stimolazione e gioco, mentre quelle introverse danno priorità ad un uomo capace di metterle a loro agio. I bisogni includono anche calore, cibo, e contatto fisico.

Giulia ha tre anni. La mamma è la più bella di tutte, ed è oggetto della sua ammirazione, come per un periodo più o meno lungo poi lo sarà papà.

Il sentimento di ammirazione rimane un potente elisir di attrazione anche nella donna adulta. In altre parole, così come il disprezzo per una persona o il disgusto per un cibo ci portano a volerli allontanare da noi, l’ammirazione per un uomo fa desiderare alla donna di averlo vicino.

Man mano che Giulia cresce aumenta il desiderio di scoprire il mondo: ci sono mille domande a cui lei vuole una risposta. I genitori le svelano i misteri del mondo, e mettono delle regole che servono anche come limiti che danno sicurezza. La bambina sa che se esagera con i capricci sarà fermata, se si allontana troppo le sarà chiesto di tornare, e l’insieme di queste regole che esistono per il suo bene creano un contenitore invisibile che la protegge.

Anche nella vita adulta, la capacità di insegnare ad una donna qualcosa che le interessa apprendere crea attrazione. Ed insegnare non significa essere in un’aula universitaria o mettersi metaforicamente “in cattedra” e parlare come un noioso professore! Anche in un contesto sociale è possibile attrarre una donna spiegandole in modo divertente qualsiasi cosa le interessi genuinamente sapere. L’attrazione aumenta se l’argomento spiegato è talmente interessante da generare in lei lo stupore che provava da bambina nello scoprire i misteri del mondo.

Passiamo adesso ad una delle realtà più controintuitive del mondo della seduzione. La capacità di un uomo di imporre regole sensate può dare emotivamente sicurezza ad una donna, anche quando a parole lei si lamenterà di queste regole o le metterà in discussione. Facciamo un esempio.

Una ragazza che frequentavo aveva la tendenza ad arrivare tardi agli appuntamenti, ma lei stessa non apprezzava del tutto questa sua caratteristica: una parte di lei avrebbe voluto essere più puntuale. Così, all’inizio del nostro rapporto, parlando scherzosamente di puntualità, le dissi che io a proposito avevo una regola: “Il massimo ritardo è mezz’ora.” Siccome non esistono regole senza punizioni, le spiegai che dopo 30 minuti consideravo l’appuntamento cancellato. Attenzione, questa non era una “strategia”: penso sinceramente che mezz’ora di attesa sia un tempo ragionevole. Il risultato? In presenza di una regola chiara e comunicata in modo adulto, le fu possibile essere con me la donna che voleva essere e cioè una persona abbastanza puntuale. In altri casi, ritardare è così connaturato al carattere della persona da essere quasi inevitabile, allora possiamo evitare lamentele e arrabbiature proponendo un compromesso che vada bene ad entrambi. Un esempio? Proporre alla ragazza “ritardataria” di vedersi a casa sua: difficilmente arriverà in ritardo anche li.

In molte famiglie il padre è la persona responsabile di far rispettare le regole e nella storia di molte bambine c’è un periodo in cui l’amore per la madre diminuisce mentre quello per il padre aumenta. Jung chiamava Complesso di Elettra il desiderio infantile di prendere il posto della mamma nel cuore di papà, e molti ricercatori hanno per un periodo teorizzato che la donna adulta fosse attratta da uomini che assomigliano al padre. Non ci sono prove scientifiche a sostegno di questa tesi; la seconda legge dell’attrazione femminile afferma invece che molte donne sono attratte da uomini che fanno loro rivivere esperienze ed emozioni collegate all’amore genitoriale, come la sensazione di essere profondamente capite e l’ammirazione.

LIBRI PER APPROFONDIRE

- A che gioco giochiamo? (Il classico della psicologia analitico-transazionale che spiega le motivazioni nascoste di tanti comportamenti comuni.)

- Intelligenza emotiva (Il libro di Daniel Goleman da cui è nato il concetto di Intelligenza Emotiva. Assolutamente da leggere.)

-La freccia di Cupido. Come cambia l’amore: teorie psicologiche (Sternberg è il più grande ricercatore al mondo sui rapporti d’amore.)

Riassumendo, il primo amore è quello per i genitori e alcune caratteristiche di questo amore rimangono attraenti per tutta la vita. Le qualità e i comportamenti che attraggono emotivamente una donna sono:
• Trasmettere empatia (farla sentire profondamente capita)
• Soddisfare i suoi bisogni (gioco e relax)
• Insegnarle qualcosa di affascinante (suscitando stupore)
• Suscitare la sua ammirazione
• Imporre regole sensate

E mentre questi di elisir di attrazione hanno quasi sempre l’effetto voluto, in quanto parte dell’esperienza infantile di ogni donna, vi sono altre caratteristiche particolari che solo alcune donne trovano attraenti. Facciamo un esempio. Ti è mai capitato di vedere persone la cui vita sembra una commedia? E altre che sembrano vivere una tragedia greca? In Analisi Transazionale esiste il concetto di copione, ovvero la “storia” di vita che inconsciamente ognuno di noi scrive. Il tema principale di questa storia viene buttato giù nell’infanzia e viene poi rifinito con il passare degli anni. Diversi ricercatori hanno ripreso il concetto di copione ipotizzando che ognuno di noi porti dentro di sé diverse “storie d’amore” più o meno positive: saremmo quindi attratti dai coprotagonisti ideali delle storie che vogliamo vivere.

Facciamo qualche esempio. La donna che vuole inconsciamente vivere una storia da vittima cerca un persecutore, la donna che vuole essere salvata da una vita infelice vuole un principe azzurro che la porti via, la donna che immagina l’amore come un giardino da innaffiare di cure cerca un giardiniere attento e amorevole.

Ci sono donne e uomini che, purtroppo, si raccontano storie tristi, e l’influenza di queste storie può diventare particolarmente forte in caso di disagio mentale, quando la coazione a ripetere si irrigidisce e lascia poco spazio ad un esperienza genuina della realtà. In questo caso, il concetto di rivivere esperienze d’amore genitoriale assume toni sinistri, perche tali esperienze sono state traumatiche, e riviverle porta sofferenza. Ma portarsi dentro una storia triste non è una condanna. Siamo autori delle nostre storie: così come le abbiamo scritte, possiamo imparare a cambiarle.

L’INFLUENZA SOCIALE: ALLA RICERCA DELL’UOMO DI VALORE
La terza legge dell’attrazione femminile: “Molte donne sono razionalmente attratte da uomini di alto valore.”

A partire dalla pubertá, uomini e donne si fanno domande legate al rapporto con l’altro sesso:
• “Quanto piaccio ai ragazzi?”
• “Dovrei scegliere il ragazzo più popolare o quello che mi ama di più?”
• “Posso avere di meglio?”

Senza accorgercene, diamo un valore a noi stessi e agli altri. Questo valore è influenzato da ciò che è importante per noi e per il nostro contesto sociale. Facciamo due esempi:
• Una donna sarebbe fiera di presentare alle amiche il suo nuovo compagno, se questo fosse un praticante di Sumo di 235 kg? In Giappone si, perché i lottatori Sumo sono considerati dei sex-symbol, ma in Italia… molto meno!
• Una donna si vergognerebbe di presentare alle amiche un uomo bello, ricco, simpatico, intelligente, che indossa uno splendido completo Armani e arriva in Porsche? Si, se le sue amiche facessero parte di un gruppo di estrema sinistra che occupa un centro sociale!

In altre parole, il “valore” che una donna assegna ad un uomo come potenziale partner dipende anche dal contesto sociale in cui lei si riconosce. Come viene assegnato questo valore? I modi sono tanti e qui avremo spazio solo per analizzarne alcuni. Uno dei più affascinanti è il meccanismo della “Prova Sociale”. Scopriamolo insieme.

Immagina di andare ad una festa con una ragazza che ti piace. Appena entrate, una bella donna ti si avvicina e si mostra chiaramente attratta da te. Tu ci parli un po’, ma poi continui a dedicare attenzioni alla ragazza con cui sei venuto. Hai appena guadagnato punti ai suoi occhi, dimostrandoti una persona che attrae le donne.

La Prova Sociale ci spinge a considerare valido un comportamento comune, soprattutto quando pensiamo che ci manchino delle informazioni importanti. “3milioni di copie vendute!” grida la copertina di un libro che non abbiamo ancora letto, ed è naturale pensare che, se tre milioni di persone hanno comprato quel libro, forse una ragione c’è. In modo simile, una donna pensa che, se tante belle donne ti desiderano, forse una ragione c’è. Attenzione però: la Prova Sociale ha influenza solo durante il corteggiamento, quando una donna si sta ancora facendo un’idea di te. In altre parole, una moglie che non è più attratta dal marito, e pensa di conoscerlo molto bene, non cambierebbe opinione di lui solo perché qualche bella ragazza lo trova attraente.

Torniamo ora alla copertina del nostro libro immaginario. La copertina del libro riporta diverse recensioni. Uno scrittore che stimiamo dice che questo libro è “Uno dei capolavori del ventunesimo secolo”, e un giornalista di una testata prestigiosa afferma che si tratta del “Libro dell’anno”. Queste recensioni, se fatte da una fonte di cui ci fidiamo, hanno un effetto positivo. In modo simile, se piaci alla sua migliore amica acquisti immediatamente valore. In generale, la percezione del tuo valore come uomo è influenzata da ciò che pensano le persone a cui lei dà voce in capitolo.

Quali altri fattori influenzano il “valore” di un uomo come potenziale partner? Continuando il nostro paragone, la domanda di attenzioni cresce quando l’offerta è bassa. “Ci sono le 2 ultime copie” dice il libraio, “e quelle ragazze stanno per comprarlo”. La scarsità di un bene ne fa salire il valore: un uomo difficile da conquistare è più attraente di uno che corre dietro ad ogni ragazza carina.

Abbandoniamo la metafora del libro e passiamo al rapporto col tempo. In generale, se un uomo è di valore, il suo tempo è prezioso. Non può aspettare a lungo, non può stare al telefono per ore, e se una ragazza ha l’opportunità di passare una serata con lui non spreca certo il tempo parlando al telefono con qualcun altro. Un uomo di valore, però, seppur consapevole delle sue qualità, non ha mai bisogno di darsi delle arie o vantarsi dei suoi successi, come molte persone insicure fanno per cercare conferme. Semplicemente, lui sa che molti vorrebbero condividere dei momenti con lui, e se una donna gli fa “perdere tempo”, glielo fa capire prima con ironia, e poi diventando indisponibile. Perché un uomo di alto valore sociale è abituato a scegliere, a dire di no, e ad essere considerato una “preda”.

L’idea di “Diventare preda” può essere difficile da spiegare, ma alla fine si tratta semplicemente di diventare consapevoli del proprio valore come uomo. Facciamo un esempio paradossale. Se una tua amica incontrasse George Clooney, si aspetterebbe che debba essere lui a fare tutti i passi necessari a conquistarla, o si impegnerebbe anche lei nel trovare modi per suscitare il suo interesse? Un uomo di alto valore è ricercato dalle donne, va conquistato. In altre parole, nel gioco della conquista, chi è il cacciatore e chi la preda? Non bisogna certo essere George Clooney per regalare ad una donna il brivido della conquista, e, soprattutto, questo non significa che devi smettere di corteggiarla. Semplicemente, l’attrazione di una donna è amplificata dalla percezione di avere tra le mani un uomo di valore che sarebbe un peccato lasciarsi scappare.

Infine, è importante ricordare che al di là del contesto sociale, anche le preferenze individuali sono molto importanti: una donna darà spesso valore ad un uomo che ha una risorsa o una qualità che le manca, o che lei considera preziosa. Facciamo qualche esempio. Una donna odia il suo corpo? Sarà attratta da uomini con un bel fisico. Non si sente intelligente? Sarà affascinata dall’intelligenza. E lo stesso vale per giovinezza, spiritualità, ricchezza, e qualsiasi altro valore che lei consideri importante.

LIBRI PER APPROFONDIRE

- Come e perché si finisce col dire di sì (Il classico della persuasione di Robert Cialdini.)

Riassumendo, le qualità e i comportamenti maschili che attraggono razionalmente una donna sono:
• Attrae altre donne
• Ha un alto valore all’interno dei contesti sociali in cui lei si riconosce
• È difficile da conquistare
• Ha qualcosa che lei considera prezioso (intelligenza, spiritualità, maturità, soldi, umorismo, etc.)
• Non si dà delle arie e non si vanta dei propri successi
• E’ consapevole del proprio valore come uomo

CONCLUSIONE: COSA ATTRAE LE DONNE
Incontri una donna speciale. La corteggi. Ma come convincerla ad iniziare una relazione con te?

Se nel corteggiamento tenti di far colpo senza essere te stesso, con tutta probabilità lei se ne accorge; nei rari casi in cui questo non succede, la relazione risulta comunque compromessa, perché l’immagine che lei ha di te non corrisponde alla realtà.

Essere te stesso non significa, però, mostrare subito paure, difetti e debolezze: genuini sì, ma darsi la zappa sui piedi no! Una soluzione è imparare a rimanere tranquillo e dare il meglio di te anche quando conosci una donna eccezionale. Trasformare, quindi, il tempo che passate insieme in un occasione per farle conoscere le tue qualità e il tuo valore senza mai vantarti e rimanendo sensibile all’unicità della donna che hai davanti.

Riassumendo, quali sono le qualità maschili che possono attrarre una donna?
• La voglia di proteggere i propri cari
• La capacità di proteggere i propri cari
• Decisionalità (capacità di scegliere, capacità di impegnarsi)
• Tolleranza al rischio
• Capacità di leadership (ispirare, influenzare, prendere decisioni per il gruppo, essere sicuri delle proprie idee)
• Empatia (la fa sentire profondamente capita) e tenerezza
• Soddisfazione dei suoi bisogni sociali (come divertimento e relax)
• Insegnamento di qualcosa di affascinante
• Suscitare la sua ammirazione
• Imporre regole sensate
• Attrarre naturalmente altre donne
• Suscitare l’approvazione delle sue amiche
• Avere un alto valore all’interno dei contesti sociali in cui lei si riconosce
• Avere qualcosa che lei considera prezioso
• Essere consapevoli del proprio valore come uomo
• Non darsi delle arie e non vantarsi dei propri successi

BIBLIOGRAFIA

Argyle M. (1967) The Psychology of Interpersonal Behaviour. London: Penguin Books.

Barnes M., Buss D. (1986) Preferences in human mate selection. Journal of Personality and Social Psychology.

Baumeister R. F. (2004) Sexual Economics: Sex as Female Resource for Social Exchange
in Heterosexual Interactions. Personality and Social Psychology Review, 8(4), 339–363

Berne, E. (1972) What do you say after you say hello? London: The Random House Group Ltd.

Berne, E. (1972) Games People Play. London: The Random House Group Ltd.

Burgoon J. K., Buller B., Woodall W. G. (1989) Nonverbal Communication. New York: Harper and Row Publishers.

Buss D. (1995) The Evolution of Desire: Strategies of Human Mating. New York: Basic Books.

Buss D. (2000) Desires in Human Mating. Paper presented at the Annals New York Academy of sciences

Buss D.(2006) Strategies of Human Mating. Psychological Topics 15 (2006), 2, 239-260

Buss D. (2007) The evolution of Human Mating. Acta Psychologica Sinica. 39(3):502~512

Cloninger S. (2004) Theories of Personality: understanding persons. New Jersey: Pearson Education.

Darwin, C. (1871) The Descent of Man and Selection in Relation to Sex. London: Murray

Dunbar R. I. M., Pawlowsky B, (1999) Impact of market value on human mate choice. London: Procedures of the Royal Society

Erskine R. G.(1998) Attunement and involvement: therapeutic responses to relational needs. International Journal of Psychotherapy, Vol. 3 No. 3, 1998

Freud S. (1949) An Outline of Psychoanalysis. New York: Penguin Modern Classics

Freud S. (1976) Three Essays on the Theory of Sexuality. New York: Basic Books.

Gangestad S. W. (2000) The evolution of human mating: Trade-offs and strategic pluralism. University. Behavioral and Brain Sciences n.23, 573–644.

Geher G., Miller G. (2007) Mating Intelligence: Sex, Relationships, and the Mind’s Reproductive System. Philadelphia: Lawrence Erlbaum

Goleman D. (1996) Emotional Intelligence. London: Bloomsbury Publishing Plc.

Gough T. (1991) Couples Growing. London: Darton, Longman and Todd ltd

Grinder J., Bandler R. (1975) The structure of magic. Santa Clara: Penguin

Joines V., Stewart I. (2002) Personality adaptations. Kegworth: Lifespace Publishing

Jones B. C., DeBruine L. M., Welling L.L.M. (2008) Sex drive is positively associated with women’s preferences for sexual dimorphism in men’s and women’s faces. Personality and Individual Differences 44 (2008) 161–170

Jung C. G.(1913) The Theory of Psychoanalysis. Later republished in several books of collected writings

Kauth M. R. (2000) True nature: a theory of sexual attraction. New york: Springer.

Littlejohn S. W. (2002) Theories of Human Communication. Belmont: Wadsworth/Thomson Learning

Norwood R. (1985) Donne che amano troppo. Milano: Giangiacomo Feltrinelli Editore

Phillips A. (1999) I no che aiutano a crescere. Milano: Giangiacomo Feltrinelli Editore

Rhodes G. (1988) Facial symmetry and the perception of beauty. Psychonomic Bulletin & Review 5 (4), 659-669

Rhodes G., Geher G., Miller G. The evolutionary psychology of facial beauty. New York: Taylor&Francis Group

Raymond Fisman R., Iyengar S. S., Kamenica E., Simonson I. (2005) Searching for a mate: evidence from a speed dating experiment

Sefcek J. A., Brumbach B. H., MA, Vasquez G., Miller G. F. (2006) The Evolutionary Psychology of Human Mate Choice: How Ecology, Genes, Fertility, and Fashion Influence Mating Behavior

Sternberg R. J.(1997) Construct validation of a triangular love scale. European Journal of Social Psychology, 27, 313-335

Sternberg R. J.(1998) Love is a story. New York: Oxford University Press

Sternberg R. J., Weis K.(2006) The New Psychology of Love. New York: Yale University Press

Thornill R. (1999) The Body and Face of Woman: One Ornament that Signals Quality? Evolution and Human Behavior 20: 105–120

Todd. P. M. Mate search and other decisions in a decision-shaped world(draft). Berlin:
Max Planck Institute for Human Development.

Todd P. M., Penke L., Lenton, A. P., Fasolo B.(2007) How self-assessments can guide human mating decisions. Published in G. Geher & G. F. Miller (Eds.) (2007). Mating Intelligence: New insights into intimate relationships, human sexuality, and the mind’s reproductive system. Mahwah: Lawrence Erlbaum (pp. 37-75).

Schellenbaum P. (1991) La ferita dei non amati. Milano: Red Edizioni.

Watzlawick P., Bavelas J. B., Jackson D. D. (1967) Pragmatics of Human Communication. New York: Norton & Company

Share Button

Vuoi approfondire? Parlane con il Life Coach