Allenamento in Sospensione

Facile da trasportare, utilizzabile in qualunque situazione sia in casa che all’aperto, utilissimo in termini di allenamento: tutto questo è il TRX, un attrezzo che sta cambiando il mondo del fitness. Nella foto, un esempio di allenamento in sospensione con il TRX in un luogo un pò particolare…piazza Navona a Roma!

Che Cos’e?
Si tratta di un attrezzo a forma di ipsilon con due larghe cinghie di nylon estremamente resistenti dotate di maniglie all’estremità e regolabili in lunghezza. Per poterlo usare, occorre assicurare l’estremità singola a un qualsiasi punto fermo, che può essere un albero, un palo, la porta di casa o un gancio sul soffitto : l’attrezzo sfrutta il peso corporeo e la gravità.

Come nasce?
Il trx nasce tra i militari della marina americana che assemblano alcune cinghie di paracadute cucite insieme al kit per la riparazione dei gommoni. Il loro scopo era quello di garantirsi una preparazione fisica adeguata anche durante le missioni, in mancanza cioè di spazi attrezzati in modo tradizionale. L’uso del trx si diffonde presto tra i militari delle altre forze armate statunitensi fino ad approdare nelle palestre americane e nel resto del mondo.

Quali sono i vantaggi dell’allenamento in sospensione?
Il primo, grande vantaggio del trx è la praticità. L’attrezzo, che pesa meno di un kilo, è facilmente trasportabile e consente di allenarsi in palestra, in casa, in una stanza d’albergo o semplicemente in un parco. La sua versatilità permette l’esecuzione di un numero potenzialmente infinito di esercizi il cui unico limite è la fantasia e la competenza di chi lo usa. La difficoltà potrà essere di volta in volta modulata variando la posizione del corpo, garantendo così un training ottimale sia al principiante che all’atleta più avanzato. La rapidità con la quale è possibile passare da un esercizio all’altro (5secondi) permette di creare circuiti estremamente intensi, ottimi per perdere peso, agire sul sistema cardiovascolare e per migliorare forza, flessibilità e coordinazione. L’attrezzo si può regolare su differenti pendenze (dal 5 al 100%), modificando semplicemente la posizione del proprio corpo. Detta in questi termini, l’operazione potrebbe sembrare piuttosto complicata e poco adatta magari ai principianti, ma ci sono davvero innumerevoli esercizi da effettuare con il TRX, adatti a tutte le categorie di sportivi. Questa sua versatilità permette di usare questo attrezzo sia come supporto per attività agonistiche, per lezioni di fitness singole o di gruppo, per esercizi di allungamento o anche per esercizi di supporto in fase di riabilitazione. Può essere usato anche a casa, attaccandolo semplicemente allo stipite della porta.

Perché usarlo?
A differenza dell’allenamento tradizionale con i macchinari, che vincola i nostri muscoli ad un lavoro essenzialmente isolato su un unico piano di movimento, l’allenamento in sospensione consente al nostro corpo di muoversi su più piani simultaneamente, riproducendo movimenti naturali o un gesto sportivo specifico enfatizzando il lavoro coordinato delle catene muscolari dei muscoli stabilizzatori aumentando il reclutamento muscolare e il dispendio calorico. Si tratta dunque di un allenamento funzionale, perché permette di allenare più muscoli contemporaneamente riducendo il tempo di lavoro complessivo andando incontro a tutti coloro che non possono o non vogliono trascorrere ore in palestra. Dal punto di vista più tecnico, utilizzare il trx significa allenare la stabilità, la coordinazione e migliorare tangibilmente l’equilibrio e la capacità propriocettiva, caratteristiche troppo spesso trascurate nei programmi di allenamento tradizionali. Questo permette un allenamento più intenso, più efficace e dunque più allenante, in quanto il cervello conosce movimenti, non muscoli, quindi attivare più muscoli in sinergia permette un lavoro muscolare completo e un work out decisamente proficuo. Il TRX può essere utilizzato in contemporanea con altri attrezzi: discosit, kettelebel, palla medica, fitball così da variare il grado di difficoltà e le combinazioni di esercizi. Sempre meglio utilizzarlo con l’ausilio di un trainer qualificato che potrà mostrarvi tutte le potenzialità di questo semplice ma geniale attrezzo. Buon allenamento e buon divertimento.

Fabio Inka – autore di questo articolo – è stato fitness manager della famosa palestra di Madonna in Messico, ex atleta dell’Aeronautica, ideatore di Impacto Training ed è un gettonatissimo personal trainer che offre lezioni nei parchi di Roma.

Categories: benessere

Tagged as: , ,